INFORMAZIONI:

LA DOTT.SSA RITA MANZO E' PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA SISTEMICO-RELAZIONALE
SI RICEVE TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE 8:30 ALLE 20:30 PREVIO APPUNTAMENTO TELEFONICO AL NUMERO 3333072104.

SEDI: 1)VIALE EUGENIO DELLA VALLE N19, SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE)
2)VIA GUGLIELMO MARCONI N.30, CALVI RISORTA (CE)

SERVIZI OFFERTI: PSICOTERAPIA INDIVIDUALE, DI COPPIA E FAMILIARE, CONSULENZA E SOSTEGNO PSICOLOGICO. CLICCA QUI PER VEDERE LE AREE D'INTERVENTO



martedì 28 febbraio 2012

STRESS : impariamo a conoscerlo!



Alzi la mano chi si è sentito stressato almeno una volta nella vita! Credo sia impossibile trovare qualcuno che non lo sia stato mai!  In verità la differenza non è tra chi è stressato e chi no, ma tra chi riesce a gestirlo e chi no. Tutti siamo stressati e oggi lo siamo ancora di più rispetto al passato a causa dei ritmi frenetici della vita moderna. Ma che cos’è esattamente lo stress? Sicuramente non è facile definirlo data la natura estremamente soggettiva delle esperienze associate a questo termine. Nel linguaggio comune il concetto di stress è associato ad esperienze e vissuti spiacevoli e/o dolorosi. Hans Selye fu uno dei primi ricercatori a studiare lo stress che definì come “la risposta aspecifica dell’organismo a ogni richiesta effettuata su di esso". Può essere prodotto da una gamma estremamente ampia di stimoli denominati stressors (agenti stressanti). Come avrete notato, nella definizione di Selye non vi è nulla sulla presunta o data scontata nocività dello stress, più che altro viene sottolineata una risposta adattiva, necessaria a tutti gli esseri viventi alla sopravvivenza.
La somma di tutte le reazioni che si manifestano nell’organismo in seguito alla prolungata esposizione ad uno stress (risposta di stress) viene definita da Selye sindrome generale di adattamento e consta di tre fasi:
1. Allarme: l'organismo risponde agli stressor mettendo in atto meccanismi di fronteggiamento sia fisici (aumento della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa, della glicemia, del tono muscolare, del metabolismo e di alcuni neurotrasmettitori)che mentali(l'aumento dello stato di allerta e di "tensione emotiva").
2. Resistenza: se lo sforzo prosegue nel tempo, l’organismo cerca di adattarsi alla situazione e gli indici fisiologici tendono a normalizzarsi anche se lo sforzo per raggiungere l'equilibrio è intenso. Ha una durata maggiore della precedente.
3. Esaurimento: Se la condizione stressante continua, oppure risulta troppo intensa, si entra in una fase di esaurimento in cui l'organismo non riesce più a difendersi e la naturale capacità di adattarsi viene a mancare; si ha il cedimento delle difese immunitarie e l’organismo, incapace di reagire, si indebolisce favorendo la comparsa di malattie. L’organismo esaurisce le energie impiegate nell’adattamento, e rischia danni irreversibili, se non addirittura la morte.
Lo stress è causato da molti fattori che possono essere sia positivi ( sposarsi, iniziare a lavorare, fare un figlio, ecc. …) che negativi (es.: avere una malattia cronica grave, disoccupati di lunga data, subire abusi e violenze assistere un parente o un coniuge molto malato fisicamente o psicologicamente, morte di una persona cara, divorzio, essere licenziati, subire mobbing, avere gravi problemi economici, ecc. …). Anche se oggi è diventato un termine negativo, in sé lo stress è una risposta fisiologica normale. Selye distingue due tipologie di stress:
Eustress (stress positivo): lo stress è positivo quando è desiderato e ci fornisce la sensazione di dominare il nostro ambiente (es.: il superamento di un esame).
Distress (stress negativo): lo stress è negativo quando è indesiderato, spiacevole e accompagnato da sensazioni d’insicurezza, disagio, soggezione ecc… . È sostanzialmente sinonimo di ciò che nel linguaggio comune viene definito “stress”. Esempi di distress sono: la perdita di un congiunto, la perdita del lavoro ecc.
Quando ci sentiamo sotto pressione il nostro corpo reagisce come se dovessimo fronteggiare un attacco e pertanto manifesta una serie di reazioni biochimiche:  il nostro metabolismo accelera, il nostro battito cardiaco aumenta, la pressione sale, salgono i livelli di trigliceridi e di  colesterolo nel sangue. La reazione di stress è ottimale quando è rappresentata da condizioni di attivazione e disattivazione rapida, con un’intensità che di rado raggiunge livelli eccessivi e che comunque è limitata nel tempo. Quando invece la reazione di stress è disfunzionale e lo stress diventa cronico a farne le spese è il nostro organismo e possiamo accusare una serie di disturbi dovuti alle modificazioni ormonali indotte dalla reazione di stress. Fra i disturbi più comuni ci sono:  stanchezza cronica, caduta dei capelli, tachicardia, senso di oppressione al petto, difficoltà digestive, intestino irritabile, stipsi, dolori muscolari,  ecc .. Lo stress ha un effetto negativo anche sul sistema immunitario e quando siamo stressati siamo più vulnerabili alle infezioni, alle malattie e allo sviluppo di patologie autoimmuni.
Solitamente quando siamo molto stressati non diamo molta importanza ai segnali di malessere che il nostro corpo ci manda. E' importante prendere sul serio questi campanelli d'allarme e modificare il nostro stile di vita se  vogliamo prevenire malattie più serie in futuro.

         Dott.ssa Rita Manzo, Psicologa e Psicoterapeuta                                                     

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento!